019 856 431
010 856 7124

Informazioni generali - Ristrutturazioni edilizie

Attenzione: con la legge di bilancio 2017 (legge n. 232 dell'11 dicembre 2016) è stata prorogata fino al 31 dicembre 2017 la detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. E’ prorogato fino al 31 dicembre 2017 anche il Bonus Mobili, cioè la detrazione del 50% su una spesa massima di 10mila euro per l'acquisto di mobili. E' stata inoltre introdotta, per il periodo compreso tra il 1 gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021, una detrazione d'imposta del 50% per le spese sostenute per l'adozione di misure antisismiche su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1,2 e 3).

Pin It

Leggi tutto...

Tassa rifiuti casa disabitata, quando è possibile l’esenzione o la riduzione

La Tari è la tassa sui rifiuti, che ha sostituito le vecchie Tarsu, Tares e Tia. E’ uno dei tre balzelli che gravano sull’abitazione. Nell’ipotesi di casa disabitata è possibile l’esenzione del suo pagamento?
Come sottolineato da Studio Cataldi, la Tari è costituita da una componente fissa, data dal costo del servizio erogato che viene determinato dalla superficie dell'abitazione, e da un costo variabile, dato dalla quantità effettiva di rifiuti prodotti da chi abita l’immobile. Per quest’ultima sono previste esenzioni e riduzioni.

Pin It

Leggi tutto...

Con il Paese fuori dall'euro si risparmiano 8 miliardi

È uno di quegli studi delicati. Il team di Mediobanca lo ha riservato ai suoi clientoni. Uno di loro ce lo ha fatto vedere. Ogni copia è marcata con nome e cognome. Si tratta di roba che non dovrebbe finire alla stampa, almeno non subito. Il titolo potrebbe trarre in inganno, ma il succo è di quelli buoni: Il rischio di una ridenominazione in lire del nostro debito pubblico scende con il passare del tempo.

Pin It
Leggi tutto...

Acquisto vs affitto: i vantaggi dell'uno e dell'altro

Acquistare o affittare? La domanda è tutt’altro che semplice. Se infatti gli italiani hanno sempre avuto un’alta propensione all’acquisto della casa, la difficoltà di accesso al credito ha spesso fatto prediligere l’affitto.
Come sottolineato dall’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa, l’acquisto della casa presuppone che si abbia un capitale iniziale a disposizione che copra almeno il 20% del valore dell’immobile e le spese legate all’acquisto; se si sceglie l’affitto basta un capitale minimo sufficiente a coprire le spese relative al deposito cauzionale richiesto e le spese legate alla stipula del contratto di locazione.
Ma quali sono i vantaggi dell’una e dell’altra opzione? Andiamo a scoprirli.

Pin It
Leggi tutto...